Ftse Mib chiude ai nuovi minimi, debacle dei titoli del lusso

  • rss
  • Dillo su Twitter!
  • Mi piace
  • commenti
  • font +
  • font reset
  • font -
  • stampa

A mercato chiuso

10 ottobre 2018 - 17:44

MILANO (Finanza.com) Giro di boa settimanale senza smalto per Piazza Affari che chiude sui nuovi minimi a un anno e mezzo. Dopo il rimbalzo della vigilia, l’indice Ftse Mib (close a -1,71% a 19.719 punti) ha pagato questa volta il violento sell-off che ha colpito lusso e auto complici i timori sulla crescita globale e in particolare il possibile indebolimento della domanda dalla Cina.

In Italia lo spread si è mantenuto sotto quota 300 pb in attesa del voto di domani sulla NADef. Oggi l'asta Bot ha visto i rendimenti raddoppiare a quota a 0,949%, pari al rendimento massimo da 5 anni. Indicazioni non confortanti dalla domanda, scesa ai minimi a sei mesi. Domani test ancora più impegnativo con l'asta BTP. Il ministero dell’Economia offrirà tra 5 e 6,5 miliardi di euro nell’asta di titoli a medio lungo termine che sarà caratterizzata dal lancio del nuovo Btp triennale con scadenza ottobre 2021 e cedola del 2,3%. Del titolo triennale sarà offerto per un importo compreso tra 3 e 3,5 miliardi.

Spicca il forte ritracciamento del settore del lusso (-10,84% Moncler, -4,25% Salvatore Ferragamo) depresso dal downgrade di Morgan Stanley e i timori sulla debole domanda dalla Cina.
Pioggia di vendite anche sui titoli del comparto auto & Parts, con Ferrari giù di oltre l’8%, mentre Brembo e Fca hanno lasciato sul terreno oltre il 5%. Il settore paga i timori di un rallentamento della crescita economica globale e al potenziale calo della produttività cinese hanno spinto a ribasso il comparto dell’automotive. Per Fca a nulla sono valsi i nuovi rumors sulla cessione della controllata Magneti Marelli al fondo KKR, con un accordo che sarebbe sempre più a portata di mano. A rilanciarle ieri l'agenzia Bloomberg, secondo la quale Calsonic Kansei, produttore giapponese di ricambi per auto di proprietà di KKR, e il gruppo guidato da Mike Manley avrebbero raggiunto un accordo di principio sul prezzo e potrebbero annunciare l'accordo entro fine mese. Sempre secondo quanto rivelato da Bloomberg, che cita fonti vicine alle trattative, Magneti Marelli sarebbe stato valutato 5,5 miliardi di euro (debito incluso).

Lascia un commento

per poter lasciare un commento è prima necessario eseguire il login

Annunci pubblicitari

Dopo il recente calo delle Borse Usa, cosa succederà a Wall Street?
Ci sarà rotazione settoriale
I titoli tech riprenderanno la corsa
Assisteremo a nuova flessione
Ci sarà una fase di consolidamento
E' il momento per le borse europee

Brown Editore S.r.l. - Viale Sarca, 336 Edificio 16 - 20126 Milano - Tel. 02-677 358 1 - P. IVA 12899320159 - e-mail: [email protected]

Finanza.com_notizie